Europa culla della cultura: la notte europea dei musei

La Notte Europea dei Musei è un evento culturale che prevede l’apertura dei musei e dei luoghi storico-culturali di un’area fino a sera o, in alcuni casi, fino a tarda notte. I visitatori hanno l’opportunità di sfruttare le bellezze europee pagando solitamente un prezzo simbolico, sostanzialmente inferiore al normale costo d’ingresso richiesto durante l’anno.

È un’iniziativa che è presente in tutto il mondo e che è stata introdotta in Europa nel 1997 quando la prima Notte dei Musei fu organizzata in Germania, nello specifico nella capitale Berlino. Un evento singolo e singolare che suscitò il grande interesse dell’opinione pubblica.

Infatti, successivamente, altri Paesi seguirono il modello tedesco organizzando iniziative simili che erano però autonome ed indipendenti tra stato e stato. Il ministro della comunicazione e della cultura francese riprese l’idea nel 2005 e la intitolò la Notte Europea dei Musei.

Da quell’anno, l’iniziativa si è allargata così in tutta il continente ed oggi vede la partecipazione di circa 50 paesi ed oltre 120 città europee che celebrano annualmente la Notte dei Musei in una data fissa per tutti.

Non musei secondari o musei da riscoprire e rivalutare, ma i migliori in assoluto sul panorama europeo, Museo del Louvre di Parigi, British Museum di Londra e Museo Reina Sofia di Madrid inclusi.

Non solo musei

Quest’anno la Notte Europea dei musei si è svolta il 21 maggio scorso e ha visto la partecipazione anche dell’Italia che può vantare di un patrimonio artistico assolutamente di prima fascia.

Ogni anno, durante tale notte, musei statali e comunali, gallerie d’arte e monumenti restano aperti di media fino a mezzanotte salvo alcune eccezioni che si prolungano fino alle due del mattino.

Il programma non prevede soltanto mostre e musei, ma è inserito in un contesto culturale ed artistico più ampio che comprende anche spettacoli musicali dal vivo, spettacoli teatrali, intrattenimento, percorsi a tema e visite guidate.

Il ministero della Cultura provvede ogni volta a fornire una lista delle strutture che aderiscono, l’orario in cui sarà possibile visitarle, la modalità per raggiungerle e naturalmente il prezzo, che varia dall’uno ai cinque euro per i musei più importanti.

Orgoglio nazionale

Una giornata, o meglio una nottata, insolita che ha lo scopo di avvicinare tutti i cittadini verso l’arte e verso la cultura della propria nazione. Un’iniziativa rivolta in particolare ai giovani, rei di considerare i musei come luoghi noiosi e tristi che hanno in questo modo l’opportunità di guardare al patrimonio artistico sotto un’altra lente.

Una lente nuova e moderna che i ragazzi italiani sono chiamati ad indossare. Per raggiungere questo obiettivo gran parte dei musei sono completamente gratis per tutti i cittadini europei fino ai 25 anni.

Dalla Pinacoteca di Brera a Milano alla Galleria degli Uffizi di Roma, dal Museo Archeologico di Torino alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea a Roma. Da nord a sud, per innamorarci e per andare fieri di un Paese, l’Italia, dove spesso negatività e superficialità oscurano eventi di primo livello come la Notte Europea dei Musei.